Il sottile confine fra massaggio e...altro - Massaggi a Milano

Utenti registrati: 23808 - Utenti online: 307

ARTICOLI

Il sottile confine fra massaggio e...altro

Attualità - 20/12/17 - Autore: pietro1 -
Ho sempre pensato che una delle cose più affascinanti della lingua italiana è che ogni parola presente nel dizionario ha un significato ben preciso e che l'unione di tante parole nella stessa frase, il più delle volte, porta ad un senso univoco del concetto.
E allora mi sono chiesto, da quando ho il piacere di navigare in ottima compagnia fra queste pagine telematiche, come mai si faccia ancora tanta confusione fra un massaggio emozionale e una prestazione sessuale in senso proprio.
Leggo decine e decine di annunci, curiosando anche in giro nel social club e mi rendo conto che molti colleghi la pensano come me.
Massaggiamilano ha un significato etimologico e logico specifico: sono un amante dei massaggi e quindi eleggo MAM a mia bibbia personale in materia; prendo spunto dagli annunci e chiedo lumi a colleghi più esperti e navigati (e navigatori) di me e vado alla ricerca della massaggiatrice ideale.
Deve avere una buona tecnica, deve essere preparata e a vere esperienza, deve sapermi regalare un momento di relax puro e, inutile essere ipocriti, deve essere bella e - perchè no? - sexy.
Ma non deve essere necessariamente una escort perchè se fossi alla ricerca di una escort andrei a navigare per altri lidi.
Se sono qui è perchè prima di tutto cerco un massaggio e poi voglio che questo massaggio sia fatto bene e che abbia un lato (finale) emozionale che faccia da ciliegina sulla torta.
Ebbene, ne ho incontrate di massaggiatrici che rispecchiano questo standard e a loro va tutto il mio rispetto.
Non le ho mai consioderate escort e non mi sono mai conportato con loro in questo modo; forse per questo motivi con tante di loro ho parlato e mi hanno confidato il loro disagio quotidiano nell'avere a che fare con clienti (fortunatamente per la categoria sono una piccola minoranza) che mascherano con la richiesta di un massaggio emozionale la loro reale intenzione di avere molto di più.
Alcune massaggiatrici mi hanno confessato che hanno visto diminuire sensibilmente il carico di lavoro nel momento in cui hanno assicurato esclusivamente un finale basico mentre tante altre colleghe, garantendo finali più scoppettanti, hanno visto lievitare la domanda.
Bene, dico a queste massaggiatrici che sanno fare bene il proprio lavoro e che mettono passione, impegno e tecnica in ogni trattamento: non cambiate, stringete i denti e aspettate fiduciose perchè la bravura, la preparazione professionale e la passione che mettete ogni giorno nel vostro lavoro prima o poi verranno premiate.
La maggior parte degli utenti di questo portale credo la pensi come me: il massaggio prima di tutto e poi il lato emozionale, con la precisazione che un ottimo massaggio (e parlo di qualità e non di quantità) può tranquillamente sopperire ad una lieve carenza di emozionalità finale.
Sono fermamente convinto che queste ragazze, che allettano i nostri desideri più o meno confessabili, meritino tutto il nostro rispetto perchè quotidianamente, nonostante i problemi personali che possano avere, lasciano i pensieri fuori dalla porta del loro studio e ci regalano un sorriso non appena ci vengono ad accogliere sulla porta.
Questo è rispetto per noi che siamo utenti (e non solo clienti e, quindi, soldi) e per ciò solo meritano anche il nostro rispetto.
Chi davvero è un amante del massaggio emozionale "vecchia scuola" non tarderà ad apprezzare le doti tecniche e la serietà di chi come quelle massaggiatrici che ho incontrato, hanno ben chiaro in se "il sottile confine fra massaggio e....altro".